STUDIO INTERFAST

Questo concetto di digiuno ad intervalli è noto anche come “digiuno a giorni alterni rigidi = ADF”. In uno studio austriaco (studio INTERFAST), sono stati studiati gli effetti a breve e a lungo termine dell’ADF sui marcatori fisiologici e molecolari dell’invecchiamento, della salute cardiaca e della composizione corporea.

Lo studio è stato aperto a persone metabolicamente sane, di peso normale o leggermente sovrappeso. Solo un giorno su due si è mangiato e senza restrizioni caloriche. Il giorno del digiuno non era consentito né mangiare né bere bevande caloriche: erano permessi acqua, caffè nero e bevande zuccherate con dolcificanti. In linea di principio, lo studio consiste in due studi. Uno studio ha richiesto 4 settimane per testare gli effetti a breve termine dell’ADF. Il gruppo di controllo ha continuato a mangiare normalmente. Il secondo studio riguardava i dati di persone che erano già più di 6 mesi in ADF.

Risultati
Dopo 4 settimane, il gruppo ADF ha ridotto del 4,5% del proprio peso. Il rapporto tra massa grassa e massa muscolare è migliorato. Il grasso è stato ridotto principalmente a livello addominale (grasso viscerale), che potrebbe spiegare il miglioramento degli indicatori di salute. Il digiuno completo ogni due giorni non ha portato ad un compenso dell’energia nei giorni in cui si mangiava. In media, i partecipanti al gruppo ADF di 4 settimane hanno raggiunto un deficit calorico del 37%, che è notevole. Anche dopo 6 mesi di test le persone erano ancora in deficit energetico con -28%. Ma ciò che è stato molto interessante: il consumo energetico di base non è diminuito né con i partecipanti del gruppo delle 4 settimane dell’ADF né con i partecipanti del gruppo dei 6 mesi.

Questo è così interessante perché normalmente con diete a ridotto apporto calorico il metabolismo basale scende relativamente in fretta, favorendo così l’effetto Jojo. In tal modo il ADF avrebbe un enorme potenziale per un successo dietetico a lungo termine. È anche interessante il fatto che i partecipanti al gruppo ADF di 4 settimane avevano elevate concentrazioni di corpi chetoni nel sangue, anche nei giorni in cui mangiavano. Si dice che i chetoni abbiano vari effetti anti-invecchiamento e di protezione del cuore. Inoltre, i chetoni riducono la fame, che di solito aumenta con la perdita di peso e rende il mantenimento del peso una vera sfida.

La perdita di peso attraverso la restrizione calorica su base quotidiana può ridurre la densità e la massa ossea, il che è indesiderabile. Dopo 6 mesi di ADF, sia la densità ossea che la massa ossea sono rimaste invariate in questo studio.
L’ADF potrebbe essere una misura cardioprotettiva, perché anche in persone sane e di peso normale c’è stata una riduzione della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca, dei livelli di infiammazione, ecc. e i risultati dello studio sono stati molto positivi.
In entrambi i gruppi fT3 (ormone tiroideo) è diminuito, ma non TSH, che nel contesto di una ghiandola tiroidea sana, è considerato in molti studi come una caratteristica che prolunga la vita negli esseri umani.
Nel gruppo dei 6 mesi, colesterolo, LDL, trigliceridi e VLDL sono diminuiti, mentre l’HDL è rimasto invariato. L’aminoacido metionina, che dovrebbe favorire il processo di invecchiamento e abbreviare la vita dei topi in laboratorio, era anche significativamente inferiore nei giorni di digiuno.
L’ADF è considerato dagli scienziati come una misura sicura per promuovere la salute, ma può anche essere un modo semplice per rallentare i processi di invecchiamento.

https://www.cell.com/cell-metaboli…/…/S1550-4131(19)30429-2…

0 Condivisioni