Come fare per un’elioterapia ottimale?

L’elioterapia in Europa centrale è possibile nel semestre estivo, mentre il semestre invernale ha un livello di UVB troppo basso per la formazione di vitamina D3 (eccezione: ad es. alta montagna oltre 1500 metri di altitudine). La composizione della radiazione solare dipende da vari fattori e fluttua con le stagioni e le condizioni geografiche (latitudine). Più alta è la posizione sul livello del mare, maggiore è la percentuale di radiazioni UVB a onde corte. Il grado di copertura nuvolosa e l’inquinamento atmosferico sono altri fattori che influenzano la composizione delle radiazioni.

Le ore di mezzogiorno, quando il sole proietta le ombre più corte, sono le più adatte (motivo: il contenuto di UVB è più alto, il tempo più breve per la massima formazione di vitamina D3). Prima esposizione massimo 5 minuti!

Più breve è il percorso dei raggi solari attraverso l’atmosfera, maggiore è la percentuale di radiazioni a onde corte. Il contenuto di UVB è importantissimo per la formazione della vitamina D3, in quanto solo gli UVB sono in grado di scindere fotochimicamente il precursore della vitamina 7-deidrocolesterolo. Meno radiazioni a onde corte, cioè UVA e luce visibile a onde corte possono addirittura distruggere di nuovo il precursore formato dagli UVB. Ne consegue che la luce del sole che non contiene UVB (ad esempio nel tardo pomeriggio o nei mesi invernali) non solo non forma vitamina D3, ma può anche scomporre la vitamina D3 presente e circolante nel sangue.

Le scottature devono essere evitate a tutti i costi, l’elioterapia deve essere sempre piacevole. Una scottatura è il segno più evidente che la regola di base più importante nel trattare con la luce del sole è stata ignorata: abituarsi al sole deve essere fatto individualmente e passo dopo passo. Una scottatura solare è una reazione di emergenza dell’organismo, in cui le reazioni alla luce e le funzioni protettive non hanno più luogo nell’ambito di una persona sana. In caso di scottature, l’elioterapia deve essere interrotta per un periodo di tempo sufficiente fino a quando le funzioni cutanee non saranno tornate alla normalità. Poiché la formazione di vitamina D3 è soggetta ad autoregolamentazione, le scottature solari non producono nemmeno una quantità maggiore di vitamina D. Il modo più efficace per prevenire le scottature solari è quello di abituarsi al sole in un modo che si adatti alla propria pelle.

La pelle deve prima abituarsi gradualmente al sole. Più di 20 min. per lato non è vantaggioso. Lo schema di preparazione al sole Rollier stabilisce che il primo giorno solo i piedi sono esposti al sole per 5 minuti. Il resto del corpo è coperto da un grande telo da bagno. Il secondo giorno, di nuovo solo i piedi sono esposti al sole per 5 minuti prima che l’asciugamano da bagno venga tirato fino alle ginocchia e la nuova zona sia esposta al sole per 5 minuti. I piedi sono così esposti per 5 più 5 minuti, per un totale di 10 minuti. Il terzo giorno si ricomincia con i piedi, dopo 5 minuti le gambe sono esposte, dopo altri 5 minuti le cosce e così via. Con questa procedura avviene una successiva assuefazione, che tiene conto anche delle diverse sensibilità delle zone del corpo.  Se la pelle è correttamente abituata alla luce del sole, non solo la pelle diventa pigmentata per l’effetto dell’aumentata produzione di melanina, ma si sviluppa anche un aumentato spessore dello strato corneo della cute chiamato anche callo solare che è in grado di ridurre la penetrazione degli UVB.

Occorre determinare la sensibilità cutanea individuale e la dose soglia di eritema. La sensibilità individuale è determinata da una breve esposizione. Se si vuole determinare la sensibilità individuale della pelle, si può iniziare con 3 minuti di esposizione pressochè completa il primo giorno come alternativa allo schema di assuefazione al sole secondo Rollier e valutare le condizioni della pelle la sera. Devono essere trascorse almeno 4 ore tra l’abbronzatura e la valutazione della pelle. Se la pelle non è arrossata o tesa, cioè se non ci sono segni di scottature, il tempo di abbronzatura può essere raddoppiato il giorno successivo (= 6 minuti). Se anche questa dose è ben tollerata, il tempo di abbronzatura può essere esteso a 9 minuti il terzo giorno, a 12 minuti il quarto giorno, ecc. fino ad un massimo di 20-30 minuti. Per limitare in modo sicuro il tempo di irradiazione si utilizza un timer o orologio che impedisce anche di addormentarsi al sole, che sarebbe pericoloso per un eritema solare.

Prendere il sole significa una pausa dalla routine quotidiana e ci dà la possibilità di liberare la nostra mente dai pensieri quotidiani. La “mezz’ora d’oro” può essere fonte di pensieri creativi! Ma questo funziona solo se non si deve guardare costantemente l’orologio per controllare il tempo di abbronzatura. Pertanto, ha senso, sotto molti aspetti, effettuare un efficace controllo del tempo. Che si tratti di una sveglia a breve termine, di un’applicazione per smartphone o di una sveglia convenzionale, ha comunque senso limitare in modo affidabile il tempo di abbronzatura.

La testa deve essere sempre protetta da un copricapo adeguato (ad es. cappello di paglia a tesa larga) o da un ombrellone, il resto del corpo è esposto il più possibile. Solo 50 anni fa, quasi nessuno nella nostra società avrebbe pensato di uscire senza copricapo. Quella che può essere considerata una moda, dal punto di vista odierno, aveva probabilmente uno sfondo più profondo, ovvero l’efficace protezione delle “terrazze soleggiate” del corpo (fronte, orecchie, naso, mani) da troppe radiazioni solari. Poiché raramente lasciamo entrare la luce del sole nel nostro corpo attraverso i nostri vestiti, il nostro corpo è sottoalimentato. Le zone esposte, cioè le mani, la fronte, il naso e le orecchie, invece, ricevono la luce del sole ogni volta che siamo all’aperto. Indossare un cappello non è utile solo per i bambini, ma per tutte le persone quando sono all’aperto. Anche per Rollier, che aveva quasi 50 anni di esperienza nell’elioterapia, indossare un copricapo protettivo era una misura indispensabile quando si usava la luce del sole.

ℹ️ Per i vostri bimbi usate prodotti con minerali, come lo zinco ed EVITATE prodotti che usano nanotecnologie.

ℹ️ Ottima la protezione tessile: camicia, T-shirt, ombrellone…..

Non utilizzare prodotti per la protezione solare, altrimenti si evita la formazione di vitamina D3. Anche altri cosmetici (deodoranti, creme, ecc.) dovrebbero essere evitati durante l’elioterapia. L’assunzione di farmaci che aumentano la sensibilità alla luce può essere una controindicazione! Anche un fattore di protezione solare di 10 impedisce la formazione di vitamina D di oltre il 99%! I prodotti per la protezione solare proteggono dalle scottature solari ma non dal cancro della pelle, in quanto filtrano le radiazioni UVA a onde lunghe almeno 3 volte meno efficaci dei raggi UVB. Poiché i filtri chimici protettivi vengono assorbiti dalla pelle, possono avere effetti indesiderati nel corpo. Molti ingredienti sono stati trovati nel latte materno, per esempio, quando le madri si sono trattate ampiamente con la protezione solare. Un altro aspetto è l’aumento della formazione di radicali liberi nella pelle, che viene descritto quando si utilizzano fattori chimici di protezione solare (vedi ad esempio l’articolo di Wikipedia “Photoprotection”).

Una serie di farmaci comuni aumenta la fotosensibilità dell’organismo, soprattutto della pelle e degli occhi. Questo influenza le reazioni fisiologiche di protezione dalla luce. Per questo motivo è necessario adottare particolari precauzioni durante l’assunzione di tali medicinali. In determinate circostanze ciò significa addirittura una controindicazione assoluta per l’elioterapia, ad esempio la chemioterapia o la radioterapia.

Inoltre, è necessario prestare attenzione quando si assumono preparati ormonali, in quanto praticamente tutti gli ormoni steroidei (cortisolo, cortisone, estrogeni, gestageni, ecc.) possono essere distrutti alla luce UV. Poiché gli ingredienti dei farmaci circolano nel sangue, entrano in contatto con i raggi UV circa 0,1 mm sotto la superficie della pelle e possono essere scomposti (esempi: contraccettivi ormonali, farmaci antipertensivi, ecc.).

Dopo l’esposizione al sole, compensare la perdita di liquidi (attraverso la sudorazione) con acqua. Evitare di mangiare direttamente prima e dopo l’esposizione al sole. La luce del sole porta ad uno spostamento del fluido corporeo negli strati esterni della pelle. In casi estremi, più del 60% del volume sanguigno del corpo può defluire negli strati capillari della pelle (shock circolatorio!), che può causare scottature mortali. Ma anche con un leggero eritema, il sangue fluisce maggiormente nella pelle, il che può portare a problemi nelle persone con circolazione instabile. In questo contesto, ad esempio, si dovrebbe evitare di alzarsi rapidamente, così come l’ingestione di cibo o bevande fredde prima, durante e dopo l’esposizione al sole, poiché ciò può portare ad un aumento del flusso sanguigno nel tratto gastrointestinale, che può esacerbare la relativa mancanza di sangue in altri organi.

La doccia con detergenti (shampoo ecc.) prima e dopo l’esposizione al sole può ostacolare notevolmente l’assorbimento della vitamina D3 nel corpo, a seconda di quanto la pelle venga sgrassata facendo la doccia. La formazione più forte di precursori della vitamina D3 avviene nell’epidermide, dove si trova la più alta concentrazione del precursore sensibile alla luce UVB, ovvero il 7-deidrocolesterolo (7-DHC). Il 7-DHC è anche il precursore del colesterolo, necessario, ad esempio, per costruire pareti cellulari. L’epidermide è un tessuto proliferativo, qui devono essere costantemente formate nuove cellule, quindi il fabbisogno di colesterolo è molto alta. Poiché il comportamento igienico e l’igiene personale sono cambiati radicalmente negli ultimi decenni, ciò influisce anche sul contenuto di sostanze liposolubili negli strati superiori della pelle. Molte persone si fanno la doccia ogni giorno e si sgrassano molto la pelle. La maggior parte delle persone quindi utilizzano idratanti o altri prodotti cosmetici per fare qualcosa contro la disidratazione della pelle. Questo può quindi portare ad interazioni indesiderate. L’uso corretto della luce solare e dell’acqua con un uso limitato di sostanze liposolventi può portare ad una normalizzazione del metabolismo della pelle. Alle donne: occhio ad usare scrub o peeling vari: danneggiate lo scudo protettivo del nostro organismo!

Viene tenuto un diario solare in cui sono documentati le condizioni climatiche, i tempi di esposizione e le reazioni individuali. Anche le applicazioni del solarium vengono documentate. Molte estati alle nostre latitudini vanno diversamente da quanto si vorrebbe per quanto riguarda l’elioterapia regolare. Niels Finsen, ad esempio, che ricevette il premio Nobel per la medicina nel 1903 per la sua terapia con la luce contro la tubercolosi cutanea, trovò che a Copenaghen solo 30 giorni all’anno erano adatti per effettuare la sua terapia. Questo è stato il motivo principale per cui ben presto ha iniziato ad indagare se la sua terapia poteva essere effettuata anche con sorgenti di luce artificiale. Non c’è bisogno di andare a Copenhagen per incontrare tali difficoltà, anche in Germania può succedere che tra maggio e settembre il sole raramente splenda nell’orario ottimale tra le 11 e le 14. Poiché si perde la consapevolezza di tali condizioni così rapidamente come ci dimentichiamo cosa abbiamo mangiato la scorsa settimana, si raccomanda di tenere un diario solare. Questo è importante anche per quanto riguarda una strategia personalizzata ed efficace per evitare la carenza di vitamina D3: il diario solare e del solarium, insieme alla determinazione chimica di laboratorio dei livelli di vitamina D3, aiuta a decidere se si può fare affidamento esclusivamente sull’elioterapia, se è abbastanza efficace o se è meglio abbinarla a un’integrazione supplementare di vitamina D3 per via orale.

La determinazione del livello di vitamina D3 nel sangue assicura l’effetto dell’elioterapia e rivela le carenze. La diagnosi iniziale può essere fatta in qualsiasi momento, i tempi ottimali per il monitoraggio del decorso sono febbraio e ottobre: il valore di febbraio indica se si è verificata una carenza nei mesi invernali; il valore di ottobre indica se l’esposizione al sole in estate è stata sufficiente a conservare un sufficiente 25(OH)-VD3 o se è necessaria un’integrazione. La vitamina D3 è prodotta principalmente attraverso la pelle, la maggior parte degli alimenti ne contiene troppo poca per garantire un apporto ottimale. I precursori passano dalla pelle nel flusso sanguigno e vengono convertiti in 25(OH)-Vitamina D3 nel fegato. Questa è la forma di stoccaggio, che ha un tempo di dimezzamento ovvero emivita che varia da 30 a 60 giorni. L’ormone 1,25(OH)2-vitamina D3 è prodotto nei reni e in molti tessuti del corpo e ha un’emivita di pochi giorni (da 1 a 2). Se ne circola troppo nel sangue, il rene può trasformare l’ormone attivo in composti inattivi. Per la determinazione dei valori di vitamina D viene misurata la forma di stoccaggio ovvero la 25(OH)-Vitamina D3. Il valore target dovrebbe essere compreso tra 30 e 100 ng/ml, idealmente tra 40 e 60 ng/ml, con microgrammi per litro (μg/l) anch’essi di uso comune. Alcuni laboratori utilizzano l’unità nmol/l, nel qual caso il valore target è compreso tra 100 e 150 nmol/l. Per la conversione, moltiplicare il valore ng/ml o μg/l per un fattore di 2,5; il risultato in nmol/l deve essere diviso per 2,5 per ottenere il valore in ng/ml o μg/l.

In inverno potete anche fare solarium con lampade adeguate cosiddette lampade per la produzione di vitamina D, che sono lampade UVB a banda ristretta.

Vi ricordo: con l’esposizione alla luce solare e l’introito alimentare di vitamina D tramite cibi naturali è impossibile un sovradosaggio.

 

 Elenco dei farmaci fotosensibilizzanti (da Bühring, Jung: UV-Biologia ed elioterapia, 1992), elenco secondo Sailer, 1986! Non completo!

Antibiotika und Chemotherapeutika

Demeclocyclin
Doxycyclin
Griseofulvin
Methacyclin
Minocyclin
Nalidixinsäure
Oxytetracyclin
Sulfactin
Sulfadioxin-Pyrimethamin (Fansidar) Sulfamethazin

Sulfamethizol Sulfamethoxazol Sulfamethoxazol-Trimethoprim Sulfasalazin (Azulfidine) Sulfathiazol
Sulfisoxazol
Tetracyclin

Antidepressiva

Amitryptilin
Amoxapin
Desimipramin (Desipramin) Doxepin
Imipramin
Isocarboxazid
Maprotilin
Nortriptylin
Protriptylin
Trimipramin

Antidiabetika

Acetohexamid Chlorpropamid Glibenclamid Glipizid Tolazamid Tolbutamid

Antihistaminika

Cyproheptadin Diphenhydramin Promethazin

Diuretika

Acetazolamid Amilorid Bendroflumethiazid Benzthiazid Chlorothiazid Cyclothiazid Furosemid Hydrochlorothiazid Hydroflumethiazid Methylclothiazid Metolazon Polythiazid Quinethazon Trichlormethiazid

Neuroleptika

Chlorpromazin Chlorprotixen Fluphenazin Haloperidol

Neuroleptika Fortsetzung

Perphenazin
Piperacetazin
Prochlorperazin
Promethazin
Thioridazin
Thiotixen
Trifluoperazin
Triflupromazin
Trimeprazin
Möglicherweise auch andere hier nicht aufgeführte Phenothiazinpräparate

Nichtsteroidale Antirheumatika

Benoxaprofen (nicht mehr im Handel) Katoprofen
Naproxen
Phenylbutazon

Piroxicam
Sulindac
Möglicherweise auch andere hier nicht aufgeführte nichtsreroide Antirheumatika

Parasitenmittel

Bithionol Pyrvinium-Pamoat Chinin

Zytostatika

Dacarbazin Fluorouracil Methotrexat Procarbazin Vinblastin

Andere Pharmaka

Amiodaron
Bergamotte-Öl
Benzocain
Captopril
Carbamazepin
Chinidin (Sulfonat, Glukonat) Coumarinderivate Disopyramid

Goldsalze
Hexachlorophen
Isoretinoin
6-Methylcoumarin (in verschiedenen Rasierwässern, Parfümen, Sonnenschutzmitteln)

Orale Kontrazeptiva

Sonnenschutzmittel

6-Acetoxy-2,4-dimethyl-m-dioxan (Präservativ) Benzophenone
Cinnamate (Zimtsäurederivate)
Oxybenzone

Paraaminobenzoesäure (PABA) Paraaminobenzoesäureester (PABA-Ester)

Ätherische Öle

(z.B.: Zitronen-, Limonen-, Lavendel-, Sandelholzöl, Öl der virginischen Zeder; Kontakt mit den Ölen der Schalen verschiedener Zitrusfrüchte).

 

Fonte: Dr. Alexander Wunsch, Heidelberg

 

 

0 Condivisioni