Storia:

La medicina cinese conosce e sfrutta da oltre 5000 anni le benefiche proprietà dei germogli.
I cinesi compresero anche come il consumo di germogli potesse essere di grande utilità per i marinai che affrontavano lunghi viaggi per mare senza disporre di altre fonti di alimenti freschi a bordo delle navi. Così l’ammiraglio Zhang He all’inizio del 1400 esplorò con la sua grande flotta l’Oceano Pacifico e l’Oceano Indiano portando sempre a bordo delle sue navi scorte di semi per la produzione di germogli. I marinai europei, a partire dal 1500, con l’inizio dei grandi viaggi di esplorazione sperimentarono i gravi disturbi che una prolungata alimentazione povera o priva di frutta e verdura poteva comportare: questi marinai soffrivano di scorbuto, una grave forma di debilitazione che la scienza avrebbe successivamente collegato ad una carenza di Vitamina C. Il Capitano James Cook nel corso dei suoi lunghi viaggi si preoccupò di cercare un rimedio allo scorbuto per l’equipaggio della sua nave e lo trovo nel consumo di germogli e alimenti vegetali freschi. Per questo a bordo del’Endeavour organizzò la produzione di germogli e dispose che l’equipaggio ne consumasse con regolarità. Il consumo di germogli e agrumi fece sì che nessuno durante il lungo viaggio dell’Endeavour si ammalasse di scorbuto, fatto eccezionale per quei tempi,.
In Europa e in America comunque il consumo di germogli rimase pressoché sconosciuto fino al secolo scorso, quando i loro benefici furono studiati in maniera approfondita e a partire dagli anni ’70 si diffuse nei paesi occidentali una maggiore consapevolezza dell’importanza di una alimentazione equilibrata e salutistica.
Di fondamentale importanza in questo senso furono negli anni 40 gli studi di Clive M. McKay, Professor of Nutrition alla Cornell University.
In un famoso articolo scientifico Mc Kay sintetizzò in questo modo i principali punti di forza dei germogli: “Un vegetale che cresce in ogni clima, rivaleggia con la carne in valore nutritivo, matura in 3 – 5 giorni, può essere piantato in qualsiasi giorno dell’anno, non richiede terreno o luce, fa concorrenza ai pomodori per il contenuto in vitamina C, non produce rifiuti ….”
Oggi ormai conosciamo tutti la singolare ricchezza di importanti fattori nutrizionali, come vitamine (specie la vitamina C), minerali, aminoacidi essenziali, micronutrienti, etc.

 

Come prepararli?

Niente di più facile. Metteteli a bagno per 12 ore circa, magari la sera. Al mattino scolateli bene e lasciateli umidi in un recipiente a temperatura ambiente coperti da un panno di cotone. Vedrete che entro le prossime 12-24 ore i vostri fagioli germoglieranno alla grande!!

Proprietà dei germogli di fagiolo mungo

Essi contengono un ampio spettro di vitamine e sali minerali (Ca, Mg, K, Fe, Zn, Cu, P, Na) e  un’elevata quantità di proteine (20%). Contengono inoltre tutti gli amminoacidi essenziali e numerosi enzimi essenziali per la digestione.

Come cucinarli?

Come più vi aggrada!! Potete gustarli in insalata, aggiunti a verdure cotte in padella o nel wok, per insaporire la  vostra minestra di verdure,  come condimento per  il riso,  come contorno a vostro piacimento.

Quali altri semi germogliare?

  • legumi (azuki rossi, verdi, ecc.; fagioli, lenticchie, ceci, piselli, arachidi)
  • cereali (riso, grano, orzo, farro, ecc.)
  • altri: alfa-alfa, trifoglio, ravanello, aglio, broccolo, mandorle, lino, senape, girasole, crescione, fieno greco.

 

Share This