Tutte le malattie iniziano nell’intestino

Ippocrate

Ogni adulto ha nel proprio intestino da 1,5 a 2,5 kg di batteri, detti microbioma, che sono altamente organizzati. Essi, infatti, sono responsabili della digestione, dell’assorbimento dei nutrienti e costituiscono almeno l’80% del sistema immunitario, di cui sono il braccio destro. Il loro benessere è strettamente legato al nostro benessere.

Un loro squilibrio promuove uno stato di disbiosi: ovvero uno squilibrio tra batteri “buoni” e batteri “cattivi” con un impatto enorme sul nostro stato di salute. La disbiosi gioca un ruolo chiave in molte malattie croniche e non solo della civiltà industrializzata, come l’acne, il carcinoma colorettale, il diabete, il colon irritabile, etc.

Disbiosi

Generica alterazione della flora batterica umana. La disbiosi può interessare diversi distretti del nostro corpo come la pelle, la vagina, il cavo orale, polmoni, naso, orecchie. Generalmente si intende per disbiosi un’alterazione della microflora, prevalentemente batterica, che alberga nel nostro intestino, soprattutto in quello crasso (disbiosi intestinale).

Frequenti cause della disbiosi intestinale sono:

  • Alimentari: purtroppo negli ultimi decenni la qualità e la genuinità dei cibi si è notevolmente ridotta: ne emerge un eccessivo consumo di cibi raffinati (zuccheri, cereali raffinati), eccessivo consumo di alcoolici e bevande gassate zuccherate, eccessivo consumo di coloranti, conservanti, additivi alimentari. Sovente l’educazione ci ha portato alla convinzione che la nostra alimentazione sia quella giusta. Da molti anni esiste il brutto vizio della “terapia fai da te” ed è molto frequente che la gente si assuma farmaci, inclusi gli antibiotici, anche quando non è assolutamente necessario e spesso senza neanche chiedere un parere medico. Esiste ancora la convinzione che sia giusto prendere gli antibiotici in caso di influenza, dimenticando che l’influenza è causata da virus e gli antibiotici non hanno nessun effetto contro i virus
  • Vita irregolare: spesso prestiamo poca attenzione alla nostra qualità di vita, dormendo poco senza rispetto del naturale ciclo veglia/sonno, bevendo troppo alcool, fumando, muovendosi poco.
  • Abuso di farmaci: antibiotici, antinfiammatori, lassativi, analgesici, psicofarmaci.
  • Mancanza di moto: bastano 30 minuti di passeggiata veloce o di cyclette al giorno per far star bene il nostro intestino.
  • Stress psico-fisico: lo stress, l’ansia, le preoccupazioni e tutti gli stati d’animo negativi che non riusciamo a controllare hanno ripercussioni nel nostro intestino.

 

Sintomi e segnali della disbiosi

  • Diarrea e/o stipsi
  • Digestione disturbata
  • Gonfiore addominale post prandiale
  • Dolori addominali
  • Meteorismo e flatulenza
  • Senso di pienezza
  • Stanchezza già al mattino
  • Allergie
  • Problemi della pelle: dermatiti e acne giovanile
  • Micosi vaginali recidivanti
  • Debolezza immunitaria (tendenza ad ammalarsi frequentemente)
  • Dislipidemie

 

Per il nostro benessere dobbiamo avere cura del nostro microbioma intestinale, innanzitutto evitando le situazioni sopra-riportate. Parleremo in questo libretto in particolare di alimentazione e postura corretta. Quando dovete assumere un antibiotico, ricordatevi di mangiare cibi fermentati, come yogurt e crauti, aggiungendovi un buon probiotico, che assumerete ancora per qualche settimana a conclusione della terapia antibiotica.

In una flora intestinale ben funzionante risiedono le radici della nostra salute.

 

 

 

 

 

 

Share This