Progesterone, dove sei?

//Progesterone, dove sei?

Progesterone, dove sei?

Negli ultimi 5-6 decenni le donne dai 35 anni in poi cominciano ad avere meno progesterone e col tempo la sua concentrazione si riduce sempre di più, con le conseguenze note alle più: una dominanza estrogenica. Ma cosa vuol dire????

La dominanza estrogenica è data, come dice il nome, dal prevalere dell’estrogeno sul progesterone. Facciamo un passo indietro per capire meglio: normalmente estrogeno e progesterone sono come ying e yang, in equilibrio. Il progesterone viene prodotto principalmente dalle ovaie, mentre l’estrogeno viene prodotto anche dalle cellule adipose, e purtroppo ne troviamo in abbondanza anche nel mondo che ci circonda. Eh si, avete capito benissimo: noi nuotiamo nell’estrogeno, perché troviamo purtroppo tantissime sostanze che fungono da xenoestrogeno, ovvero hanno l’effetto dell’estrogeno occupando i suoi recettori.

Quali sono queste sostanze? Ad es il bisfenolo A, che troviamo nella plastica (pensate solo alle bottiglie di plastica di acqua minerale e bevande varie, ai contenitori per alimenti), lo ftalato che troviamo nelle padelle di Teflon, le particelle di pannelli truciolari, tappeti e simili,  il consumo di ormoni sintetici nella carne e nei latticini frutto degli allevamenti di massa, i pesticidi (il glifosato,….), milioni di donne che assumono la pillola: la loro urina finisce nelle acque di scarico e noi ci facciamo almeno una pillola all’anno a testa. Inquietante, vero?

Ed ecco che si crea lo squilibrio: sempre meno progesterone, mentre l’estrogeno è di più. Ne conseguono disturbi noti a molte, come:

  • gonfiore,
  • aumento di peso
  • sbalzi d’umore (spesso in prossimità del ciclo),
  • desiderio di dolce irrefrenabile
  • cicli irregolari, cicli molto abbondanti fino a emorragici (dottoressa mi sembra di liquefarmi, devo cambiare assorbente ogni ora,…)

e ciò viene peggiorano dai ritmi della nostra vita quotidiana, in cui siamo sempre di corsa: casa, lavoro, figli, genitori, spesa,……………questo stress cronica porta ad un aumento di cortisolo e di conseguenza ad una riduzione del progesterone. Vi ricordo che dal progesterone si forma il cortisolo, per cui molto cortisolo = meno progesterone.

Un’altra causa della riduzione della produzione di progesterone è l’assunzione di estroprogestinici (la pillola, per capirci) che riduce la produzione endogena di progesterone fino al 40%. Praticamente la pillola mette le ovaie in freezer.

Ed ecco spiegato come mai abbiamo valori di progesterone troppo bassi, con i relativi disturbi, dai 30-35 anni in poi.

 

 

18 Condivisioni
By |2018-04-29T10:54:47+00:0029 aprile 2018|Blog|0 Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: