La tiroide riveste un ruolo dominante in quasi tutti i processi metabolici e quando non funziona a dovere i nostro benessere ne risente. Questa piccola ghiandola ha un peso medio di 16,4 grammi nell’adulto, ha la forma di una farfalla, si trova in basso nella parte anteriore del collo e sotto il pomo di Adamo, davanti alla trachea. Normalmente non è palpabile.

La tiroide secerne gli ormoni tiroidei. L’ ormone principale è la tiroxina, T4, ma ne produce anche altri, tra cui T3 e anche T1 e T2, meno conosciuti. Per un funzionamento ottimale ha bisogno di adeguate quantità di selenio, iodio, zinco, vitamine B e antiossidanti. Gli ormoni tiroidei agiscono in tutto il corpo, influenzando il metabolismo, la crescita, lo sviluppo e la temperatura corporea. Durante l’ infanzia, concentrazioni sufficienti di ormone tiroideo adeguato sono cruciali per lo sviluppo del cervello. Purtroppo, la tiroide è particolarmente sensibile ai farmaci e alle sostanze chimiche ambientali che possono influire sul suo corretto funzionamento.

Negli ultimi 20 anni la tiroidite di Hashimoto è triplicata. Ma solo una piccola percentuale di queste persone viene trattata: importante chiedere al medico di controllare la funzione tiroidea se si sente che si sta avendo sintomi.

Spesso, all’inizio, si notano a malapena i sintomi dell’ ipotiroidismo, come la stanchezza e l’ aumento di peso. Si potrebbe semplicemente attribuirli all’invecchiamento. Ma mentre il metabolismo continua a rallentare, si possono sviluppare segni e sintomi più evidenti.

 

I 16 sintomi principali di ipotiroidismo

  • Stanchezza
  • Maggiore sensibilità al freddo
  • Costipazione
  • Pelle secca
  • Aumento di peso inspiegabile
  • Viso gonfio
  • Raucedine
  • Debolezza muscolare
  • Alti livelli di colesterolo
  • Dolore muscolare
  • Dolore, rigidità o gonfiore delle articolazioni
  • Mestruazioni più abbondanti del normale o irregolari
  • Capelli sottili
  • Frequenza cardiaca più bassa
  • Umore depresso
  • Cattiva memoria.

 

Questi sono i più frequenti sintomi lamentati da soggetto con ipotiroidismo:

  • La pelle del viso è più sottile
  • Ho debolezza dei muscoli delle braccia e delle cosce
  • Faccio fatica ad addormentarmi
  • Dormo male
  • Mi sento affaticato, esausto tutto il tempo
  • Ho spesso bisogno di dormire più di 8 ore per notte
  • Mi sento meglio se faccio un sonnellino pomediano
  • Non sono in grado di tollerare l’attività fisica
  • Ho meno resistenza e meno energia di altre persone
  • I miei capelli sono secchi, fragili, li perdo
  • Ho la pelle secca, squamosa, sottile
  • Le mie sopracciglia sono diradate, specie l’esterno
  • Soffro spesso di stitichezza
  • Ho sempre più freddo degli altri
  • Io indosso un maglione anche in estate
  • Ho acne
  • Ho dolori alle articolazioni di mani e piedi
  • Sento intorpidimento o formicolio delle mani e delle dita
  • Ho un ciclo irregolare e spesso crampi durante il mestruo (donne)
  • Ho difficoltà a mantenere l’erezione (uomini)
  • Non riesco a rimanere incinta
  • Ho avuto uno o più aborti spontanei
  • Mi sento depresso per la maggior parte del tempo
  • Mi sento inquieto o ansioso
  • Ho gonfiore intorno agli occhi e al viso
  • Il mio stato d’animo cambia facilmente
  • Ho difficoltà a concentrarmi o a mettere a fuoco
  • Mi sento triste
  • Mi sembra di perdere interesse per le normali attività quotidiane
  • Mi scordo facilmente le cose
  • Non ho desiderio sessuale
  • Soffro di frequenti infezioni, che durano più a lungo
  • Ho gli occhi asciutti e a volte mi sembra di avere dentro sabbia
  • Mi da fastidio la luce agli occhi
  • Faccio fatica a deglutire e sento un nodo in gola
  • Ho la voce rauca
  • Ho il tinnito
  • Sento come una bolla d’aria intesta o ho le vertigini.

 

Altre condizioni che possono essere associate alla disfunzione tiroidea

  • Infertilità o frequente aborto spontaneo
  • Acne
  • Colesterolo alto
  • Ciclo irregolare
  • Scarsa libido
  • Ritenzione di liquidi
  • Difficoltà di deglutizione
  • Disturbi respiratori
  • Mancanza di ferro
  • Glaucoma
  • Mal di testa frequenti
  • Celiachia o intolleranza al glutine
  • Gozzo
  • Prematuramente capelli grigi
  • Diabete di tipo 1
  • Malattie autoimmuni (artrite reumatoide, lupus, sarcoidosi, Sjogren, ecc.)
  • Malattia di Crohn o colite ulcerosa
  • Sclerosi multipla (SM)

 

10 consigli per mantenere una tiroide sana

  1. Eliminare il glutine dalla dieta! Un paziente su tre con tiroidite di Hashimoto è sensibile al glutine.
  2. Il selenio è essenziale per una tiroide sana e importantissimo per chi soffre di tiroidite autoimmune di Hashimoto. Assumete 200mcg di selenio di un buon integratore (chiedete sempre ad un medico esperto!).
  3. I pesci pescati, come il salmone, forniscono molti acidi grassi omega-3 che sono essenziali per una funzione tiroidea ottimale. Se non si mangia pesce frequentemente, è possibie assumere Omega 3 tramite integratori di ottima qualità.
  4. Esporsi alla luce solare per ottimizzare i livelli di vitamina D e assumere quotidianamente vitamina D a seconda dei livelli nel sangue.
  5. Vi sono numerosi prodotti naturali che supportano la funzione tiroidea come l’ashwaganda (proprietà antinfiammatorie), l’eleuterococco, alghe marine (stimolano la produzione di ormoni tiroidei, contengono molto iodio), zenzero (stimola la circolazione e combatte la sensazione di freddo).
  6. Dente di leone, carote, spinaci, cavolo, bietole, verdure e patate dolci sono tutte ricche fonti dell’essenziale vitamina A. Non abbiate timore di mangiare quete verdure anche se appartengono alla classe sei goitrogeni: se le fate saltare in padella o le cuocete ne neutralizzate l’effetto negativo.
  7. L’olio di cocco biologico è ideale per cucinare ad alto calore e cuocere carne, pesce e verdure.
  8. Filtrare l’acqua potabile da cloro e altre sostanze chimiche nocive che sopprimono la tiroide e bloccano lo iodio.
  9. Trovare ogni giorno dei modi per disintossicarsi, come fare una sauna a infrarossi. Controllate che la sauna sia stata testata per garantire che emetta bassi livelli di campi elettromagnetici. Altri modi per aiutare il corpo a disintossicarsi dall’esposizione chimica (petrolchimici, PCB, pesticidi e mercurio) sono i bagni di sale epsom e l’ aggiunta di clorella, prezzemolo o coriandolo al vostro frullato quotidiano.
  10. Cercare di ridurre i livelli di stress attraverso la meditazione, l’attività fisica, hobby, vita sociale, tecniche di respirazione.

 

Molti fattori ambientali hanno il potenziale di influenzare negativamente la funzione tiroidea. Alcuni di questi fattori includono:

Il perclorato di potassio, che inibisce l’assorbimento dello iodio da parte della tiroide, viene utilizzato come propellente per razzi, fuochi d’ artificio e airbag per automobili. Il perclorato di potassio è stabile nell’ambiente e contamina l’acqua in molti paesi. I neonati e i lattanti sono i più sensibili a questo effetto inibitorio sul trasporto di iodio. I tiocianati nel fumo di sigaretta possono avere effetti simili al perclorato di potassio.

Gli isoflavoni (fitoestrogeni), presenti nelle proteine della soia, sono inibitori della perossidasi tiroidea (TPO).

I pesticidi riducono l’emivita del T4.

I bifenili policlorurati sono sostanze chimiche industriali vietate nel 1975, ma che vengono purtroppo ancora rilevate nell’ambiente e che riducono i livelli di T4 negli animali e sono neurotossici.

Bisfenolo A utilizzato nelle materie plastiche, come resine per il rivestimento di lattine alimentari, e come sigillanti dentali -, inibisce l’attivazione di T3, causando una sindrome simile a quella della resistenza ormonale tiroidea.

Tenete la vostra casa libera da queste ed altre sostanze chimiche tossiche.

 

Iter diagnostico

Se c’è effettivamente un ipotiroidismo non esiste alcuna formulazione di integratori alimentari in grado di sostituire i livelli anormalmente bassi di ormone tiroideo. Per una diagnosi completa è necessario eseguire un test completo tiroideo: TSH, FT4, FT3, rT3, anticorpi anti perossidasi tiroidea (Aco anti-TPO), e anticorpi anti tireoglobulina (Aco anti-TG). Un‘ecografia per valutare l’ aspetto della tiroide è oltremodo indicata per completamento diagnostico.

 

Terapia

Le opzioni terapeutiche disponibili per la sostituzione degli ormoni tiroidei includono:

Preparazioni T4:

  • Eutirox
  • Tiche
  • Tirosint

 

Preparazioni T4/T3

  • Tiroide Ibsa
  • Nature-Throid
  • Armour THroid
  • Tiroide ERFA
  • Preparazioni galeniche

 

Solo preparazioni T3

Liotir

 

 

Share This